DOMANDA

Ho segnalato questo neologismo, coniato da mio figlio a 5 anni, all'Accademia della Crusca ma non ne hanno tenuto conto. Mio figlio Rosario Cannata oggi ha 33 anni e vive in Brasile. Il neologismo è "caldoloso" che per un bimbo di 5 anni era una parola normale visto che è l'inverso di freddoloso.

RISPOSTA

Grande è la creatività dei bambini. Grande la potenzialità creativa, di tenore analogico, che la lingua (come sistema embricato nelle menti dei parlanti) esprime attraverso produzioni anche estemporanee dei singoli, come quella dell’allora piccolo Rosario. Produrre parole è perfino – si sa da tempo – pratica utile nella didattica delle lingue, materna o seconda.

 

Caldoloso è parola divertente e, allo stesso modo, coerente col modello dell’antonimo esistente, freddoloso. Ma non esiste negli usi resi socialmente compatibili e condivisi della lingua. Non esiste, ma potrebbe esistere. E chissà che un giorno non possa esistere davvero, sostenuta, però, da un uso ampio e diffuso. Non si possono fare previsioni. Il petaloso del bambino emiliano, qualche tempo fa, divenne un piccolo caso mediatico e la Crusca ne approfittò saggiamente per spiegare come, al di là della maggiore o minore brillantezza della creazione neologica in sé, fosse importante che la scuola premiasse la creatività linguistica degli scolari, cogliendo ogni occasione per far riflettere e lavorare bambine e bambini sull’uso e sui meccanismi di funzionamento della lingua. La Crusca, peraltro, sottolineava come non era possibile stabilire per decreto l’ingresso di una parola creata su due piedi nel lemmario di un dizionario e badava bene a sfilarsi dall’incarico di presunto organo decisionale in materia di accettazione o ripulsa di parole, ché tale organo non esiste e non potrebbe in ogni caso funzionare.

 

Perché, dunque, petaloso è stato degno di tanta attenzione mentre caldoloso no? Perché la Crusca, in questi ultimi mesi, avrà probabilmente  ricevuto centinaia e centinaia di segnalazioni, tutte o, almeno, molte, interessanti, brillanti, perfino sagaci. E avrà voluto, con un equanime silenzio, dichiarare la propria comprensibile indisponibilità a farsi giudice in carica di un impossibile concorso di bellezza lessicale permanente.

UN LIBRO

Storia illustrata della lingua italiana

Luca Serianni e Lucilla Pizzoli

La Storia illustrata firmata Serianni e Pizzoli offre una panoramica completa sulla storia della lingua italiana nel mondo, lingua che tuttora anima le parole e i pensieri di milioni di persone e si manifesta sia nella sua dimensione scritta, professionale o specialistica, sia nel suo colorato abito orale, pratico, immediato e colloquiale

<tr id="zUxrGBZ"><optgroup id="zUxrGBZ"></optgroup></tr>
<sup id="zUxrGBZ"><center id="zUxrGBZ"></center></sup>
<tr id="zUxrGBZ"></tr>
<rt id="zUxrGBZ"><optgroup id="zUxrGBZ"></optgroup></rt>
<acronym id="zUxrGBZ"><optgroup id="zUxrGBZ"></optgroup></acronym>
  • 6684331220 2018-04-24
  • 6033811219 2018-04-24
  • 8205191218 2018-04-24
  • 8544091217 2018-04-23
  • 9791921216 2018-04-23
  • 3208591215 2018-04-23
  • 9136501214 2018-04-23
  • 52951213 2018-04-23
  • 8251961212 2018-04-23
  • 9492671211 2018-04-23
  • 8195581210 2018-04-23
  • 1024581209 2018-04-23
  • 6656461208 2018-04-22
  • 9595131207 2018-04-22
  • 1862671206 2018-04-22
  • 398581205 2018-04-22
  • 3463601204 2018-04-22
  • 58961203 2018-04-22
  • 4711921202 2018-04-22
  • 4857351201 2018-04-22